Tag

, ,

Ho raccolto da più parti, non ultima da Lady Splendor, diverse annotazioni sull’uso scorretto che – per esprimere irritato stupore ossia un amaro” ah però” –  noi nordici faremmo di una locuzione tipicamente romana.

L’espressione, invero colorita, forse scurrile ma certamente efficace, sarebbe ” e ‘sti cazzi.”

Ebbene, i blogger e friendfeeder capitolini evidenziano come la locuzione in oggetto in realtà esprima disinteresse e non stupore. Significa in sostanza: non mi tange, I don’t care, e sti cazzi appunto.

Il corretto intercalare per sottolineare lo sdegno stupito – continuano gli amici della città eterna  – è invece: ” me cojoni”.

Allora, per rendere concreta la lezione romana, proviamo a fare un esempio. Se ci dicono che i biglietti per il concerto degli U2 a Torino costano fino a 270 euro, risponderemo “e ‘sti cazzi” per rivelare che tanto non ci saremmo andati e dunque chissenefrega, mentre caleremo un sonoro “me cojoni” per esprimere disappunto all’udire un prezzo tanto esoso per i 4 irlandesi che si professano pure di sinistra.

Nel caso in cui lo sdegno ci porti a rinunciare a malincuore al predetto spettacolo e vorremmo esprimere fermo biasimo nei confronti della band, potremmo rinforzare e chiudere con un “a li mortacci tua”.

 

Annunci