Tag

, , ,

Oggi, che è giorno di nozze per lo splendido fratello musicista e la favolosa Alessandra, sì da metter fine alla scandalosa convivenza nel peccato, mentre riprovo il mio vestito da sposo e decido che  lo indosserò ( sì, trattenendo un po’ il respiro) quale vessillo beneaugurante; mentre mi lavano la macchina da stronzo; dopo aver riposato senza mutande come centinaia (migliaia?) di Voi, dopo aver cenato con due delle donne più stupefacenti del creato, mi si dipana la nebbia mattutina e realizzo.

Realizzo che il matrimonio è come una festa.

Porti sempre qualcosa.

Se ti diverti, sei l’ultimo ad andartene.

Se ti annoi, te ne vai con una scusa, sfruttando spesso il primo passaggio che capita.

—————————————————————-

Ora vado, ché devo pure leggere le preghiere dei fedeli.

Annunci