cartello

Questo cartello manoscritto è tuttora appeso nel giardino condominiale di una civilissima città del nordest.

Lo sdegno che state provando è assolutamente giustificato. A volte il contegno umano raggiunge vette di inaudita inciviltà, imbarbarendo e mortificando quella che dovrebbe essere la normale convivenza condominiale, informata da comuni principi di rispetto, igiene, salute pubblica e, soprattutto, decenza.

Eravamo infastiditi, lordati e schifati dalle deiezioni canine abbandonate in ogni dove, ma mai ci saremmo nemmeno lontanamente immaginati che potessero verificarsi  situazioni come quella denunciata dal cartello di cui sopra.

Rileggete allora l’avviso (“non si entra con il cane per fare i propri bisogni. Grazie.”) e provate ad immaginarvi per un attimo il povero cagnolino mentre osserva il suo padrone che caga sull’aiuola,  interrogandosi, sgomento, sul senso concreto della passeggiatina serale.

Non si trattano così gli animali.

Vergogna!

Annunci